Metastorie: fantasmi a Trieste e semi di odio (che germogliano benissimo)

kkk

Trieste. Fantasmi balcanici scomodi eppure comodissimi. Le insidie dell’ideologia del decoro e l’insospettabile uso repressivo di una spugnetta. L’ascesa di una destra che non sa di esserlo, o non se ne preoccupa.
Le metanarrazioni che si trovano su Giap sono da sempre tra le cose più interessanti che leggo in rete. Sono meta-narrazioni perché sono veri e propri reportage giornalistici che scelgono l’efficacissima forma dello pseudoracconto perché è proprio così che si possono mostrare altre narrazioni, insidiose proprio perché occultate.

Continua a leggere

Annunci

I ricchi e i poveri

guillotine

Se uno vuol guardare un programma di qualità sulla TV pubblica può ancora farlo, sorprendentemente. C’è Presa Diretta, il cui autore Riccardo Iacona è professionale e propone un prodotto d’impatto, ben confezionato e intelligentemente reazionario.

Continua a leggere

La Storia siamo ancora noi?

Image

Che il lavoro di Adam Curtis non sia ancora stato pubblicato in Italia è un crimine a tutti gli effetti. Non che sia chissà che, è solo un documentarista della BBC. Ma i suoi documentari fanno qualcosa che il giornalismo attuale, di cui lui è sia esponente che critico (si veda l’intervista che ha concesso a Vice) non è più in grado di fare, malgrado sia necessario come l’acqua: esporre le narrazioni sottostanti, tentare collegamenti sottotraccia per scovare i grandi frame che hanno portato la nostra storia al punto attuale. Provare a spiegare il perché, dopo una sbornia di come e dove e quando che satura i nostri browser e i nostri schermi senza però fornirci gli spunti per un’interpretazione critica.

Continua a leggere