Excelgate

Il diavolo si nasconde anche in un foglio excel.

Nel 2010 mi capitò per le mani questo ponderoso tomo da 450 pagine, scritto da due autorevoli economisti americani, Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff:

Continua a leggere

Annunci

Un’altra violenza

wargames-filetto

I nodi cominciano a venire al pettine.

Probabilmente tra tutte le opzioni pensabili per il Quirinale (Marini, Prodi, D’Alema e altri campioni dell’apparato), quella poi concretizzatasi è la più lugubre e foriera di sventure. Nella rosa delle possibilità non ho messo Rodotà, ma non è una dimenticanza, “l’insigne giurista” non era altro che il simbolo di un desiderio espresso dalla “società civile”, ma un desiderio del tutto irrealizzabile. Le poche prese di posizione, poche ma significative, fatte da Rodotà in merito alla mutazione costituzionale a favore del dogma suicida del pareggio di bilancio, o sulla nocività del fiscal compact, lo rendevano a priori un candidato solo formale, simbolico appunto. Assurdo credere alle dichiarazioni degli uomini del Pd, secondo cui Rodotà era un nome fatto dal M5S e il Pd aveva diritto e dovere di esprimere un suo candidato, non uno di Grillo.

Continua a leggere

L’avanzata dei nuovi pauperisti

norimberga_cattedrale di luce 1936

I simboli sono una cosa seria. Chi lo sa conosce anche le maniere di usarli. Chi lo sa, spesso se non sempre, si trova in posizioni di potere e/o di prestigio e ha capito una cosa di importanza fondamentale: il razionalismo è il più grande cavallo di Troia della nostra cultura. Quasi tutti quelli che stanno “su” infatti, anche i più insospettabili, hanno da sempre un rispetto profondo, letteralmente religioso, per i simboli e per il lato nascosto, magico, alchemico, iniziatico della realtà.

Continua a leggere