Beccato il “Grillo”: ecco come Beppe guadagna sulle donazioni al M5S

bimbo su tazza

Un lavoro da Washington Post, e infatti il blog si chiama walterGATE. Ci vuole un po’ per leggere tutti i pezzi collegati ma è “interessante”. Nè Grillo nè Casaleggio si sono degnati di smentire ufficialmente. Però guarda caso il banner incriminato è scomparso tomo tomo cacchio cacchio. A quanto pare Grillo non parla più della bufala del signoraggio perchè il signoraggio lo applicherebbe LUI. Senza alcuna trasparenza.

I miei complimenti all’autore del blog.

•••

Che Beppe Grillo (grazie al “prode” Casaleggio) abbia trasformato il suo blog in una portentosa macchina da soldi non è una novità. Fargli i conti in tasca non è difficile basta contare il numero di banner che appaiono sul blog e il (crescente) traffico di visitatori che riesce a generare per capire che la valutazione fatta da Alexa di 1.4M di Dollari non è affatto spropositata. Fin qui tuttavia nulla di male direi. Anzi tanto di cappello per avere generato una presenza così visbile ed essere riuscito a convertire in pubblicità e denaro la sua proprietà intelletuale.

Il problema però si pone quando esplorando un po’ meglio il blog si scopre che il link alla pagina delle donazioni al M5S, non è un link proprio normale ma bensì un vero e proprio banner GoogleAds gestito da Doubleclick.net uno dei più noti ADServer del pianeta entrato da qualche anno nella galassia di Google.

Il link associato al banner è il seguente. Gli ho aggiunto un (NOCLICK) davanti per evitare che cliccandolo involontariamente chi legge possa contribuire inconsapevolmente ad arricchire il Grillo e ad impoverire il M5S.

(NOCLICK)http://googleads.g.doubleclick.net/aclk?sa=L&ai=BG4JJEXkvUampKY6i-ga9kICoBKir8ZIFAAAAEAEg0IbaJTgAUK-f2Pb5_____wFYgPqlgHFg_YKRhOgRsgESd3d3LmJlcHBlZ3JpbGxvLml0ugEJZ2ZwX2ltYWdlyAEC2gEaaHR0cDovL3d3dy5iZXBwZWdyaWxsby5pdC-pApBb8k2RArY-wAIC4AIA6gIQLzIwNDQ1MzAzMi9TdHJpcPgCgdIekAOMBpgDjAaoAwHIA50E0ASQTuAEAaAGFA&num=0&sig=AOD64_0D50_JBggJAnB2DVC-8Zf4NpcFPg&client=ca-pub-3438170472170287&adurl=http://www.beppegrillo.it/movimento/donazioni/&nm=21&nx=413&ny=-4&mb=2&clkt=128&jca=7383

Ciò significa che per ogni click su questo banner c’è qualcuno che guadagna (tipicamente chi ospita il banner), qualcuno che paga (il destinatario del traffico generato dal banner) e Doubleclick.net che si prende le commissioni.

Il problema in questo caso è che chi ospita il banner è Grillo e chi riceve il traffico è il M5S!!!

Visto che di mio non sono malizioso ho provato a spiegarmi la cosa ipotizzando che il tutto sia stato così impostato dal duo Grillo-Casaleggio per pura semplicità di gestione e omogeneità di trattamento dei link e che i soldi che beppegrillo.it incassa siano rigirati al M5S che paga a sua volta GoogleAds.

Non mi sono però (auto)convinto per almeno due ragioni:

A) Questo meccanismo di ADserver è stato implementato solo per le donazioni e non per altri link interni al blog (ad esempio i link agli “eventi del movimento” o a ”scarica il programma” sono link puri)

B) Per quale ragione lasciare a GoogleAds cospicue commisioni semplicemente per scambiarsi traffico “in casa”?.

La spiegazione quindi è un altra e non particolarmente piacevole per chi crede a Grillo come ad un profeta immune da colpe e peccati.

Il buon Beppe (sicuramente in accordo con il fido Casaleggio) ha pensato bene di portare a casa qualche soldo da ogni utente che dal suo blog decida di cliccare sul banner incriminato e di visitare la pagina delle donazioni del MS5.

Ma di quanti soldi stiamo parlando? Difficile dirlo con certezza ma qualche ragionevole stima è fattibile.

Al 28/02/2013 sono state registrate 13096 donazioni. Un tasso di conversione media sul web tra click e action (nel caso specifico la donazione) è dell’1%. Quindi 13096 donazioni potrebbero essere state generate da 1.309.600 click. Considerato che per un publisher un earn-per-click medio è di 0.10 € stiamo parlando all’incirca di 130.000€ INCASSATI da Grillo e PAGATI dal M5S.

Beppe ci degnerà di una spiegazione?

Mai perdere la speranza. Ma siccome è molto più plausibile che cancelli le prove e allora abbiamo provveduto a registrare il tutto per futura memoria.

NOTA: A PARTIRE DALLE 17.00 del 12/3/2013 IL BANNER DEL BLOG DI GRILLO CHE PUNTAVA ALLA PAGINA DELLE DONAZIONi DEL M5S E’ STATO RIMOSSO.

IMPORTANTE

Nel post FAQ tutte le risposte alle principali domande sul caso.

Per quelli che non hanno familiarità con i tecnicismi ecco una versione semplificata.

•••

Questo post appare originariamente il 28/2/2013 sul blog http://waltergate.wordpress.com/

link diretto: http://waltergate.wordpress.com/2013/02/28/beccato-il-grillobeppe-guadagna-sulle-donazioni-al-movimento-5-stelle/comment-page-3/#comment-616

Annunci

3 thoughts on “Beccato il “Grillo”: ecco come Beppe guadagna sulle donazioni al M5S

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...